Esame di Maturità o Test d’Ammissione ?

Non si sono ancora concluse le polemiche di quanti non sono riusciti ad entrare per una manciata di punti e non sono ancora terminati i problemi di chi è speranzoso nel ripescaggio o nel cambiamento di sede, che già sono iniziati i dubbi e le perplessità di chi tenterà per la prima volta il test nell’anno 2013 e che si trova ad affrontare l’esame di maturità, oltre ad una marea di incertezze per quanto riguarda il suo futuro.

Come scontato infatti, uno dei principali dubbi di tutti coloro che sanno quanto è difficile passare il test d’ammissione per entrare nelle facoltà a numero chiuso è su cosa sia meglio concentrarsi, l’esame di maturità del liceo o l’esame di ammissione all’università.
Purtroppo non si può dire che l’importante è studiare, perché il programma è sempre quello; non tutti i licei ti preparano allo stesso modo nell’affrontare il test.
Ad esempio il liceo scientifico ti prepara meglio su tutte le domande di biologia, chimica e matematica, materie che vengono  trascurate nel liceo classico.

Come Rimediare

L’unico modo per arrivare preparati al giorno dell’esame di ammissione è iniziare già durante l’inverno il ripasso delle materie nelle quali si crede di avere maggiori difficoltà, dato che pensare di riuscire a fare tutto nel solo periodo estivo è da pazzi.
Studiando queste materie, non utili d’altro canto per la maturità si ha l’impressione di perdere terreno nei confronti dei propri compagni per l’esame di stato.

I Due Esami

Vanno a questo punto considerati alcuni aspetti dei due esami, per ricordarsi dove influisce maggiormente la competizione e quale dei due sarebbe meglio approfondire:

L’Esame di Stato è:

 

  • Composto da tre prove scritte, più un’orale finale
  • Conta soltanto la tua prestazione, non importa quanto fanno gli altri nel determinare il tuo voto
  • Il numero di partecipanti (per scuola) è molto basso

L’Esame d’Ammissione a Medicina invece è:

 

  • Composto da una prova con 80 domande a risposta multipla
  • Il tuo punteggio conta soltanto in relazione a quello che hanno totalizzato gli altri
  • Tantissimi Partecipanti (ad entrare è circa il 10% del totale)

E’ ovvio che si tratta di un’analisi molto semplice, ma serve a chiarire alcuni concetti basilari per coloro che magari si affacciano al mondo dei test universitari per la prima volta.
Mi spiace dirlo ma, per come stanno le cose attualmente il voto di diploma nella  carriera universitaria non servirà praticamente a nulla.
Al contrario, arrivando al test non sufficientemente preparati si rischia, sopratutto se ci si tiene particolarmente e non si è disposti a seguire delle alternative, di perdere un anno della propria vita magari per prepararsi meglio l’anno successivo al test e direi che non è il massimo come prospettiva per chi sta iniziando a dover decidere il proprio futuro e spera di farlo nel migliore dei modi.

Per iniziare quindi a prepararvi al test nel modo migliore iniziate sopratutto ad informarvi e tenervi aggiornati su quelle che saranno le novità, certo ancora è decisamente presto per sapere qualcosa, ma su questo sito saremo sempre pronti ad avvisarvi di ogni cambiamento, quindi accertatevi di seguirci tramite Facebook ed aggiungete questo sito web ai Preferiti.

Nel sito trovate già molto materiale utile per farvi un’idea di quella che sarà la prova, come una serie di articoli destinata a Come Prepararsi al Test, od a quelli che sono stati i punteggi minimi nelle varie facoltà italiane.

Sono sicuro che saprete trovare materiale molto interessante e sfruttare al meglio i suggerimenti, ma, come raccomando in uno degli articoli, non dimenticate che alla fine non è da un singolo test che si può giudicare la vita di una persona. Cercate di dargli la giusta importanza.